7 Best Practice CRM per prepararsi al Black Friday 2018

15 octobre

Ora che hai avuto la possibilità di cominciare a pensare al Black Friday e a come attirare l’attenzione dei tuoi clienti e prospect, vediamo quali sono le best practice per il lancio della tua campagna.

Segmenta il tuo database di utenti in base al loro tasso di apertura delle e-mail, per avere una migliore deliverability.

Assicurati di pulire regolarmente il tuo database rimuovendo coloro che si sono disiscritti, o coloro che non ricevono le tue e-mail perché finiscono sempre in spam o risultano essere degli hard bounce. Poiché la tua comunicazione per il Black Friday sarà effettuata utilizzando tutto il tuo database, ti suggeriamo di testare prima questa campagna su un piccolo gruppo, per non danneggiare la tua deliverability. Dividi la tua audience per segmentare la delivery, impostando, ad esempio, un invio all’ora.

Adotta il principio del funneling.

Ovvero inizia la tua campagna e-mail con un messaggio generico del tipo “Black Friday: dove sarai il 23 novembre?” per poi passare ad uno più specifico come “il must per la stagione Autunno/Inverno 2018/2019 sarà il maglione oversize, sotto i nostri riflettori per il Black Friday, online e in negozio!” Racconterai ai tuoi lettori una storia che attrarrà la loro attenzione. Mantieni l’expectation dandogli appuntamento alla prossima e-mail.

Adatta il contenuto di ciascuna e-mail ad un target specifico.

Devi impostare lo scenario della tua campagna fornendo contenuti diversi in base alla tipologia di destinatari, poiché i tuoi obiettivi saranno differenti a seconda dei segmenti che andrai a contattare. Ad esempio:

  • Racconta una storia ai clienti occasionali e ai tuoi prospect, dai risalto ai tuoi best seller per il Black Friday e ricorda loro la possibilità di inserirli direttamente in wish-list sul tuo sito.
  • Per i tuoi clienti fedeli, vai oltre al “classico” contenuto ed offri loro un’esperienza unica. Invitali ad una vendita in anteprima nella serata del giovedì precedente al Black Friday in modo che abbiano più scelta e si sentano privilegiati. Si faranno ambassador del tuo Black Friday presso il loro network e sui social. Questo ti consentirà di continuare a coltivare la tua relazione con questo segmento di clienti e di raggiungere nuovi potenziali clienti per il grande giorno. Puoi fare lo stesso per il tuo e-commerce, offrendo l’accesso in anteprima alle vendite online.

 Distinguiti dai tuoi competitor prestando particolare attenzione all’oggetto della tua e-mail.

Deve essere accattivante e di impatto ma non troppo commerciale affinché i tuoi lettori siano spinti ad aprirla per saperne di più. Crea un oggetto di massimo 30 caratteri, in modo che non risulti tagliato su alcuni device (computer, smartphone, tablet…). Utilizza la punteggiatura e le emoticon per trasmettere un’emozione e attrarre l’attenzione.

Limita il numero di Call-to-Action.

Consigliamo un messaggio chiave per ciascuna e-mail e quindi una sola Call-to-Action, non di più. Ma scegli la più adatta! Mettiti nei panni del lettore per capire cosa si aspetta  dalla tua comunicazione e offrigli un pulsante che gli darà la risposta. Come per l’oggetto della tua e-mail,  il testo della tua call-to-action deve essere incisivo. Idealmente, dovrebbe indicare un’azione specifica e suggerire un certo senso di urgenza.

Effettua un A/B test sul 10% del tuo target, personalizzandone l’ora di invio, il mittente,  l’oggetto, la  struttura del messaggio, la call-to-action.

Tutto ciò che ti sembra importante. Analizza i differenti KPI: il tasso di apertura, la percentuale di clic, il tasso di conversione sul tuo sito web e la percentuale di disiscrizioni per evidenziare gli elementi vincenti per un’e-mail ottimizzata per il tuo target. Affinché il tuo A /B test sia efficace:

  • Verifica un parametro alla volta, altrimenti non sarai in grado di individuare quale sia il responsabile del successo o del fallimento della tua e-mail;
  • Test multipli: più ne fai, più avrai statistiche da analizzare, più sarai in grado di ottimizzare le tue prossime e-mail;
  • Invia i tuoi test contemporaneamente per avere risultati il più accurati possibile (eccetto per i test sull’ora di invio, ovviamente);
  • Fidati di più dei dati che avrai raccolto, che del tuo istinto.

Prima del lancio della tua campagna, imposta il recupero dei carrelli abbandonati e configura l’invio di un’e-mail a coloro che hanno aperto/cliccato sulla mail ricevuta precedentemente.

Ciò ti consentirà di essere pronto per il gran giorno ma non solo, ti consentirà di lavorare su di un target di utenti che ha già espresso interesse per il tuo brand e per i tuoi prodotti. Vale pertanto la pena inviare una comunicazione personalizzata per agevolare il loro customer journey ed incentivarli all’acquisto.

Seguiranno a breve altri articoli e suggerimenti su questo argomento. Se nel frattempo desideri un consiglio personalizzato, non esitare a contattare il nostro team.

 

Contattaci